Why your brain needs a Garden

image

“There can be no other occupation like gardening in which, if you were to creep behind someone at their work, you would find them smiling.” – Mirabel Osler

Gardening awakens a primal urge that many of us have to connect with the earth. By putting your hands in the soil, you are able to physically unite with nature on an elemental level.
At the same time, gardening gets you outdoors in the fresh air and sunshine, helping your body produce much-needed vitamin D. It gets you moving, providing important exercise, and allows you to connect socially with others.
When you garden, you’re adding beauty to the landscape and habitat for birds, bees, frogs, worms, and so much more. Depending on what you garden, you can reap a harvest of fruits and vegetables to feed your family. You can also indirectly feed your brain for better mood and emotional health, and to satisfy your curiosity for knowledge.
In fact, learning is the fourth top reason why people say they garden — after to grow safe, healthy food, get exercise, and add beauty to their yard. Perhaps it’s no coincidence that people garden, in part, to stimulate their brains, as gardening has been shown to impact brain health considerably.

Spending time in a garden may help calm dementia patients
A new systematic review examined the impact of gardens and outdoor spaces on the mental and physical well-being of people with dementia. The research suggested that garden use, whether it be watering plants, walking through a garden or sitting in one, led to decreased levels of agitation or anxiety among the patients.
As for why the garden may help induce calm, Dr. Mark Stecker, chairman of neurosciences at Winthrop-University Hospital, who was not involved with the study, said:
“When your brain is impaired, you go back to your basic instincts. Many people have always enjoyed the outdoors. They may not have an explicit memory of that, but it’s an implicit memory. And they find it comforting to be outside.”
Interestingly, while spending time in a garden may help relieve some dementia symptoms, it may also help to reduce your risk of developing dementia in the first place. As reported by CNN:
“Two separate studies that followed people in their 60s and 70s for up to 16 years found, respectively, that those who gardened regularly had a 36 percent and 47 percent lower risk of dementia than non-gardeners, even when a range of other health factors were taken into account.
These findings are hardly definitive, but they suggest that the combination of physical and mental activity involved in gardening may have a positive influence on the mind.”

Gardening may make you happy via antidepressant microbes in the soil
According to a survey by Gardeners’ World magazine, 80 percent of gardeners reported being “happy” and satisfied with their lives, compared to 67 percent of non-gardeners. Perhaps it’s no coincidence that gardeners are happier.
Mycobacterium vaccae is a type of bacteria commonly found in soil, which people may ingest or inhale when they garden. Remarkably, this microbe has been found to “mirror the effect on neurons that drugs like Prozac provide.” It helps to stimulate serotonin production, helping to make you feel happier and more relaxed. No wonder so many people describe their garden as their “happy place.”
In one animal study, mice that ingested Mycobacterium vaccae had a demonstrated reduction in anxiety and improved learning. The researchers noted that natural exposure to microbes may be important for emotional health and behavior:
“Recent studies show that contact with tolerogenic microbes is important for the proper functioning of immunoregulatory circuits affecting behavior, emotionality and health […]
Collectively, our results suggest a beneficial effect of naturally delivered, live M. vaccae on anxiety-related behaviors… supporting a positive role for ambient microbes in the immunomodulation of animal behavior.”

Gardening helps you get grounded
There’s another way that gardening may help your mood and brain health, and that is grounding. The surface of the earth holds subtle health-boosting energy, and all you have to do to harness it is touch it. Walking barefoot on the earth transfers free electrons from the earth’s surface into your body that then spread throughout your tissues.
Grounding has been shown to relieve pain, reduce inflammation, improve sleep, and enhance your well-being.
Aside from increasing your sense of well-being and calm, keeping a garden can also improve your health by providing you with fresher, uncontaminated food; nutrient-dense food that is simply unavailable in your grocery store. It will also help you reduce your grocery bill. You don’t need vast amounts of space either.
Even apartment dwellers can create a well-stocked edible garden. You can use virtually every square foot of your space to grow food, including your lateral space. Hanging baskets are ideal for a wide variety of crops, such as strawberries, leafy greens, runner beans, pea shoots, tomatoes, and a variety of herbs. You can also grow sprouts like sunflower seeds and reap a harvest in 7-10 days.
And instead of flowers, window boxes can hold herbs, greens, radishes, scallions, bush beans, strawberries, chard, and chilies, for example. Just start small, and as you get the hang of it, add another container of something else. Before you know it, large portions of your meals could come straight from your own edible garden.

author: Dr. Mercola
Full article at: http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2014/08/21/gardening-impacts-brain-health.aspx

Annunci

Ortoterapia, perchè curare le piante è un po’ come curare se stessi

La scoperta di provare un grande amore per le piante è stata per me come una rivelazione improvvisa. Preoccuparsi di innaffiare ogni giorno, sporcarsi le mani di terra, toccare le foglie più belle e staccare quelle secche, vedere le api, le coccinelle e le farfalle sul mio balcone mi ha fatto riscoprire cosa vuol dire il rapporto con la terra e la natura, anche se abito in città. Vedere crescere, fiorire e fare frutti le mie piante mi ha regalato tanto buonumore e un’ insolita sensazione di realizzazione personale. L’ortoterapia è tutto questo e molto di più.
Chiunque ama e capisce un giardino,vi troverà dentro della gioia” recita un proverbio cinese. Con la versione casalinga dell’ortoterapia si ottengono buoni risultati, ad esempio, su depressione e ansia. Le piante, infatti, sono un potente antistress e prendersi cura quotidianamente anche solo di pochi vasi sul davanzale della finestra, sul balcone o sul terrazzo mette in moto tanti muscoli dell’organismo, rallenta il battito cardiaco, ossigena il cervello ma soprattutto libera la mente dai pensieri negativi.
L’ortoterapia vera e propria è nata negli Stati Uniti grazie all’intuizione di Roger Ulrich che notò come i pazienti in cura presso un ospedale della Pennsylvania guarivano più rapidamente se la stanza in cui erano ricoverati era esposta sul grande giardino della clinica. Ulrich capì che un giardino armonico e ben curato poteva lenire un po’ il dolore e favorire a livello psicologico il processo di guarigione.
Dopo questo primo passo, compiuto a cavallo degli anni 70’-80’, sono stati fatti diversi studi ed esperimenti su giovani, anziani, disabili, pazienti psichici, riscontrando sempre ottimi risultati. Chi si prendeva cura di un orto aumentava l’autostima personale e la capacità di lavorare sia in autonomia e in gruppo. La American Horticultural Therapy Association, un’associazione che attualmente negli Usa si occupa di ortoterapia, promuove questa tecnica alternativa per tutte le persone ansiose e depresse, affiancandola alle normali terapie mediche. Ma l’ortoterapia si sta diffondendo anche in altri paesi: Canada, Australia, Giappone, Germania, Inghilterra e piano piano anche in Italia.

fonte: http://www.greenme.it/spazi-verdi/naturomania/514-ortoterapia,-perche-curare-le-piante-e-un-po-come-curare-se-stessi

Letture consigliate:
Healing Garden. Il giardino che cura
Cristina Pandolfo
Brigantia editrice

Garden Therapy. Il vero benessere è in giardino

La Garden Therapy è una forma di terapia olistica utile a promuovere la salute ed il benessere interiore. Esistono nel mondo delle figure di terapisti esperti che possono suggerire il migliore programma di Garden Therapy, in modo tale da ristabilire equilibrio nella vita del paziente.
Già nel 1778 Benjamin Rush seppe individuare gli effetti curativi della coltivazione della terra sui pazienti affetti da disturbi mentali. Nel 1879 si ebbe il primo caso di una serra costruita negli Stati Uniti, in Pennsylvania, proprio per la cura di pazienti che si trovavano ricoverati a causa di malattie mentali. La medesima terapia venne utilizzata per donare sollievo ai reduci di guerra.
Nel corso degli anni la Garden Therapy ha guadagnato credibilità e prodotto effetti positivi su coloro che hanno deciso di avvicinarsi ad essa. La American Horticultural Therapy Association ne ha indicati i maggiori vantaggi per il benessere e la salute. La Garden Therapy e l’Ortoterapia contribuiscono a:

  • Migliorare la propria autostima.
  • Alleviare la depressione.
  • Migliorare le abilità motorie.
  • Promuovere l’interazione sociale.
  • Stimolare la capacità di risoluzione dei problemi.

Inoltre, coltivare un orto e curare il giardino garantisce di apprendere nuove tecniche che potrebbero essere utili sul piano lavorativo, in vista di una nuova occupazione, libera la mente dai pensieri negativi e ripetitivi e dalle preoccupazioni, stimola la capacità di lavorare in squadra e dona una generale sensazione di relax e di benessere.
Secondo l’associazione statunitense, per molti pazienti che si trovano in una condizione di passività a causa della malattia o dell’assunzione di medicinali, la cura dell’orto e del giardino può stimolare la loro capacità di agire di nuovo con gioia, a partire dallo sviluppo della nuova capacità di prendersi cura di una piantina in crescita. La soddisfazione di vedere sbocciare un fiore o di ammirare e gustare un frutto o un ortaggio coltivato da sé è impagabile e risolleva l’umore.
In generale, la cura dell’orto e del giardino favorisce uno stato mentale volto in positivo. Iniziare a coltivare una piantina a partire dai semi rappresenta infatti un vero e proprio atto di speranza e di impegno. Grazie alla propria dedizione, sarà possibile assistere alla trasformazione di un semplice pezzo di terra in un giardino colorato e profumato o in un orto in grado di regalare frutti succulenti.
Il piacere interiore che giunge come naturale conseguenza dell’aver raggiunto il proprio obiettivo è fonte di gioia, equilibrio e maggiore stima di sé. Al di là delle vere e proprie sedute di Garden Therapy, ognuno di noi può dare inizio alla coltivazione di un orto o di un giardino, anche in vaso e non avendo molto spazio a disposizione, oppure decidere di collocare un vasetto di erbe aromatiche in cucina o sul davanzale. E se posizionerete una piantina sulla scrivania dell’ufficio, lo stress da lavoro si ridurrà immediatamente

fonte: http://www.greenme.it/spazi-verdi/radici/1026-garden-therapy-benessere-giardino

Letture consigliate:
Healing Garden. Il giardino che cura
Cristina Pandolfo
Brigantia editrice